Medicina funzionale regolatoria

La Medicina Funzionale è una branca della medicina che basa il proprio metodo clinico sullo studio dei processi fisiologici.
E’ una disciplina che analizza le correlazioni esistenti tra risposta fisiologica, risposta disfunzionale e input stressogeno.
Il termine “funzionale” viene utilizzato in riferimento ai cambiamenti che intercorrono a livello della “funzione” cellulare, prima che il perdurare delle condizioni disfunzionali evolva in patologia organo-tissutale o addirittura in sofferenza globale dell’organismo.


Perché la MEDICINA FUNZIONALE REGOLATORIA

Questa medicina riprendendo il pensiero del fondatore  Helmut W. Schimmel ( 1928-2003) ritiene prioritaria  un ampia cooperazione tra la costruzione di un ponte tra il patrimonio di conoscenze derivate dalle molteplici fonti di medicina non convenzionale e la medicina moderna.

Fondamentale è rimanere aperti alle nuove conoscenze, alle nuove tecnologie ed ai nuovi modelli interpretativi, necessari per un cambiamento del paradigma scientifico attuale, che ci riporti nuovamente dalla complessità all’unità, una necessità di cui prima o poi tutti dovremmo prendere atto.

La complessità crescente del sapere ed i problemi irrisolti hanno dato origine ad un inevitabile frammentazione della Medicina in Specialità e a una miriade di correnti alternative, di solito con scarse basi scientifiche e senza modelli interpretativi solidi e unificanti.

E’ necessario approfondire ulteriormente gli studi al fine di integrare il sapere medico occidentale moderno con il modello omeopatico, fitoterapico, e nutrizionale in un quadro unitario.


COSA SI INTENDE PER MEDICINA FUNZIONALE

Il termine “MEDICINA FUNZIONALE” è recente, proposto nel 1987 da Schimmel che si riferice a tutto il bagaglio medico accumulato a partire dagli inizi del 900 ed utilizzato con una visione “integrata” di salute e di malattia, prendendo cioè sempre in considerazione l’organismo intero come unità funzionale, anche per comprendere processi patologici localizzati.


Il termine funzionale significa che riguarda la funzione di un organo o sistema. Una metodica medica diagnostica e terapeutica rivolta al ripristino della salute, mediante l’accertamento e il recupero funzionale dei fattori che sono alla base sia delle malattie conclamate che dei disturbi, più o meno manifesti, spesso non ancora definibili malattie.

Recupero funzionale = ripristino dell’autoregolazione.



STUDI SUI “bifotoni” SCOPERTA DI POPP

STUDI di H Frohlich sull’assetto elettrico della membrana cellulare
e possibili correlazioni con comeopatia di risonanza e agopuntura

Da quanto scritto per arrivare alla SCOPERTA DI POPP (11 maggio 1938 (età 80 anni), Francoforte sul Meno, Germania)
secondo cui ogni parte dell’organismo vivente emette bifotoni, provenienti dal DNA, provando dei fenomeni di risonanza nelle altre cellule vicine, con possibilità di mantenere l’equilibrio bioenergetico con organi e strutture funzionalmente correlati, siano essi vicini o lontani, nello stesso organismo.

I fotoni ovvero le oscillazioni o informazioni elettromagnetiche provocano l’eccitazione degli atomi e quindi del DNA delle molecole, che possono così interagire con altre e irradiare a loro volta fotoni.

Da qui gli studi recenti sul meridiano di agopuntura mi fanno pensare alla possibilità, mettendo aghi nei punti specifici di agopuntura, di esercitare un certo controllo sul flusso di informazione fotonico.

Si ipotizza che i rimedi omeopatici di risonanza producano una liberazione di bifotoni in quantità variabile da parte di un tessuto.