Omeopatia

L’Omeopatia è la più conosciuta tra le medicine non convenzionali e negli ultimi anni sta riscuotendo sempre più successo.

Sono in aumento le persone che si affidano a questa scienza perché propone un tipo di cura che guarda alla totalità della persona e non solo alla malattia in sé, a differenza di quanto fa la Medicina Allopatica.


 

Dall’OMEOPATIA CLASSICA ALL’OMEOPATIA DI RISONANZA

definizione sintetica

Ricerca il rimedio seguendo la storia clinica del malato ed i suoi sintomi, repertorizzandoli (utilizzo di testi chiamati materia medica o repertorio) attraverso il principio di similitudine per arrivare ad un rimedio, che sarà in grado, dopo adeguata diluizione e dinamizzazione, di mirare alla guarigione del soggetto.

Definizione di Risonanza

La risonanza è un fenomeno fisico in basa al quale

Una struttura o un sistema che entra in contatto con una vibrazione ondulatoria, pari alla frequenza di vibrazione propria del sistema, risponde con un’ondulazione di lunghezza d’onda uguale ma con ampiezza maggiore.


OSSERVAZIONI

Grazie agli studi del dott.H. Shimmel 1992/1993 con l’aiuto delle tecniche VTR ( tecniche di valutazione scientifica ) teorizzò che i singoli rimedi omeopatici potevano avere delle relazioni di risonanza con strutture di organi, cellule, strutture cellulari e microorganismi.

Si possono aggiungere ulteriori osservazioni, meritevoli di ulteriori approfondimenti, secondo cui l’emissione coerente di bifotoni è direttamente proporzionale al grado di salute di un tessuto (i tessuti che presentano patologie in atto hanno infatti una scarsa emissione di bifotoni per un blocco dovuto alle zone, tessuti, malati).

Si ipotizza quindi che i rimedi omeopatici di Risonanza producano una liberazione di bifotoni da PARTE DEI TESSUTI SANI PER RIEQUILIBRERE probabilmente lo scompenso energetico dei tessuti malati.

Si può tentare di sintetizzare dicendo che la cellula è un sistema vibrante con emissione bifotonica di base e l’omeopatico di risonanza è una forza esterna che obbliga la cellula all’effetto di risonanza portandola a una nuova emissione di bifotoni cioè ad un “ passaggio di informazioni di salute “ aumentando cioè l’ampiezza di vibrazione ( fa vibrare di più le membrane cellulari) e quindi la mobilizzazione delle tossine e distruzione dei microorganismi.